Opera Lirica UNESCO alla Camera dei Deputati, Michele Nitti (M5S) interviene a sostegno della Candidatura

Un enorme ringraziamento al Deputato Michele Nitti (M5S) che il 12 febbraio 2019 è intervenuto presso la Camera dei deputati per ricordare l’origine del Percorso UNESCO per l’Opera Lirica Italiana. Andiamo avanti, come già facciamo dal 2013, insieme al Mibac e alla Commissione Nazionale Italiana Unesco. #operabelcantounesco
Segui il Dossier: 
http://www.cantoriproitalia.it/aggiornamenti/

Presidente, qualche settimana fa abbiamo appreso l’intenzione da parte del MIBAC di completare la procedura di richiesta del riconoscimento del melodramma italiano come patrimonio UNESCO.

Si tratterebbe di un riconoscimento straordinario per la cultura del nostro paese sia in relazione alla ricchezza della nostra creatività artistica che al primato della lingua italiana nei teatri del mondo.

L’iter di questa candidatura nasce nel lontano 2011 quando l’associazione Cantori Professionisti d’Italia decide di farsi promotrice di un’iniziativa ispirata alla convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale UNESCO.

Importanti istituzioni e personalità del mondo dell’arte e della cultura aderiscono sin da subito a questo processo di tutela e valorizzazione attraverso una serie di attività volte ad evidenziare l’importanza di questo bene e la grande comunità che esso rappresenta in tutto il suo complesso, tra questi Dario Fo, Zubin Mehta, l’Accademia di Santa Cecilia, l’Accademia del Teatro alla Scala, il Teatro dell’Opera di Roma. 

Dopo la stesura dei form, l’ICH02 e  l’ICH07, la realizzazione delle schede Paci, del trailer ufficiale, viene portata a termine la catalogazione del bene OPERA LIRICA cui viene abbinata anche una petizione sottoscritta da centinaia di personalità del mondo della cultura.

Il primo agosto 2013 viene consegnato il dossier ufficiale alla Commissione Nazionale Italiana UNESCO e il 28 gennaio 2014 inizia ufficialmente l’istruttoria della candidatura presso il MIBAC.

Alla luce di questo lungo e articolato percorso avviato e condotto dai cantori professionisti d’Italia a partire dal 2011 auspichiamo pertanto che grazie al sostegno del ministro Bonisoli il processo abbia quanto prima esito positivo e porti alla candidatura ufficiale italiana presso l’UNESCO.